This is (are)Fall (s)

Sta arrivando il freddo, a Flat Mountain. Oh, nulla di che, eh, siamo in mezzo all’autunno, e arriva il freddo, senza fretta, tanto si sa che alla fine vince lui e ci troveremo col classico mezzo metro di neve, a Flat Mountain, che sarà anche Flat, ma è anche Mountain….

Bellissimo fine settimana comunque, i colori si accendono di nuova vividezza, di nuovo calore, verrebbe da dire, il cielo azzurro e il nuovo colore delle foglie che sembra fatto apposta… ma sarà davvero fatto apposta?🙂

Comunque… se uno come me è venuto quassù spesso, diciamo almeno ogni fine settimana, ha visto il cambiamento, dal verde assoluto dell’estate, quando tutto è verde, appunto, ad ora….

Siamo arrivati venerdì sera, e tirava un forte vento.  Le foglie si erano accumulate al cancello d’ingresso al giardino e ne abbiamo sentito la frusciante protesta, mentre si schiacciavano per lasciarci passare….crunch, crunch, sotto ai piedi, crunch crunch….

Comunque, camino acceso, porte sprangate, una bella cena calda, un po’ di televisione e poi via a letto. Con un sacco di gratitudine al peso delle coperte che mai è parso così piacevole.

Sabato mattina un gelido risveglio, dato che non c’è riscaldamento in casa. Andando a comprare i giornali – tanto per farsi dare qualche brutta notizia così subito subito – il termometro in macchina segnava +3,5….eh, ma allora ditelo! Chi se l’è mangiato tutto quel bel tepore delle mattine di settembre? Eppure sembrava davvero non dover finire, sembrava…. come le foglie, che stavano tutte sui rami, forti e sicure… eccole qui, impigliate nella rete del cancello, pesci gialli, rossi, pesci morti.

I colori sono belli, ma è triste pensare a questa morte di massa, a quando anche i colori spariranno e rimarranno dapprima solo gli scheletri delle foglie, e poi piu’ niente…Il ciclo delle stagioni, che pare infinito, e che lascia ciascuno di noi a sperare che passi l’inverno, e torni la gioiosa primavera, per ciascuno di noi, prima o poi, si arresterà. Così come accade delle cose che viviamo giorno per giorno, delle speranze, delle nuove avventure che la vita ci propone, e che ci paiono infinite, ma che, in un modo o nell’altro, dovranno pur finire. Chi andava a scalare le montagne – se non ne morirà –  un giorno smetterà di salire e scendere, e dovrà guardare con occhi ancora pieni d’amore ciò che il passare delle stagioni ha reso per lui irraggiungibile. La montagna, immobile, lo guarderà dall’alto, e forse ricorderà il giorno che si conobbero (se vuoi, vedi qui ) e si dirà, forse, che era ora che qualcuno desse una ridimensionata a quello sciocco che voleva conoscerla.

Così le foglie staranno a terra e forse potranno ancora vedere il ramo che le ha portate per qualche mese, e sembrava sarebbe stato per sempre.  (è anche vero che la parola “sempre” sta perdendo il suo significato di durata assoluta e sta cominciando a significare “finchè dura”) capiranno che ci sarà una nuova primavera e nuove foglie e così via avanti, ed è questo, forse, il significato di “sempre”: sempre instabile, sempre “finito”.

Il vento è stato davvero forte, stanotte, e oltre che ammassare foglie ha spezzato rami e abbattuto cartelli, e chissà quali altri danni avrà fatto. Anche io, che lo ascoltavo soffiare protetto dalle mura di casa, nella notte passata, ho capito di aver perso qualcosa. Qualcosa che mi era parso incorruttibile, indistruttibile. L’ho perso non per averlo materialmente smarrito, o chissà. In questo periodo di navigatori, tom tom, google maps, satelliti e varie forse dovremmo fare davvero come fece la mitica Arianna, che per sicurezza legò con un filo colui che non voleva perdere nemmeno nel peggior labirinto, nemmeno ucciso dai piu’ terribili incubi.

Passeggiando, oggi, nel prato vicino casa, ho raccolto un piccolo riccio di castagna.


Nulla di che, intendiamoci, anzi, anche bruttino assai, ma… lo stesso va trattato con delicatezza, perche’ forse è vero che te lo puoi schiacciare sotto una scarpa, ma se vuoi tenerlo in mano, se è questo che vuoi, devi fare piano,  perché può bucarti anche lui come tutti gli altri. ma…. se ci provi, magari potrei scoprire che le spine ti possono solleticare il palmo della mano, se usi la giusta delicatezza.

Per il resto, anche lui fa parte dell’autunno, e nonostante che cerchi in tutti i modi di proteggere il frutto che contiene, un giorno dovrà cedere. Alla fine, è solo un riccio, come tutti, no?

Mi viene in mente adesso una bellissima canzone, me la dedico’ in una sera d’estate di due anni fa il mio Bro…

The road is long
With many a winding turn
That leads us to who knows where
Who knows where….

(La strada è lunga, con molte curve tortuose che ci portano chissà dove, chissà dove….)

1 thought on “This is (are)Fall (s)”

  1. Bellissimi i colori autunnali, golose le sfumature della natura in questo periodo dell’anno che, pioggia a parte, sa essere veramente meraviglioso…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...