Give glory to God, Saints!


Questa canzone è una cosa strana. Forse ci mettiamo un po’ più del previsto a capirla, ad apprezzarne le dinamiche, a mettere insieme testo e melodia, facendoli diventare una sola cosa, come in un matrimonio ben riuscito, “impastandoci dentro”, lasciandoci amalgamare, lasciandola entrare dentro di noi, dato che non sappiamo quale sia la strada per entrare dentro di lei.
Eppure, penso che sia quella la strada giusta. Bussare, bussare, ripetere, ripetere; e chiedere:”Per favore, lasciami entrare.” Voglio essere io a capire te, e non il contrario”.
E continua il nostro lavoro, alla Prato Gospel School, il ripetere, ripetere, ripetere, e forse non è ancora abbastanza, perchè io non sento la stanchezza, la noia… e non uso il noi perchè non mi pare corretto, ma è vero, nessuno si tira indietro. Continuiamo a ripetere, a seguire le indicazioni del Coach, a piegare la testa rinunciando a quello che abbiamo in mente, a cercare una strada comune che ci porti insieme dentro a questo nuovo pezzo.

Il Coach ci aiuta, ci spinge, ci incita a capire il senso di quello che cantiamo, perchè, lo sappiamo, se non capiamo non possiamo cantare, e diventiamo soltanto vuoti contenitori di niente.
Il titolo è un po’ un trabocchetto. “Date gloria a Dio, Santi” , per continuare con “He’s worthy of the praises” e infine “Lift all hands, Saints” e cioè “Egli è degno di lode, alzate le mani in preghiera, santi!” , come se la cosa non ci appartenesse, non ci riguardasse. Fatelo voi, santi, fatelo voi!

Ripensando a queste cose, a casa, ascolto la registrazione, vorrei davvero farmela passare dentro, sento una grande forza che si sprigiona da noi, mentre cantiamo. E mi torna alla memoria il motivo che sta alla base di tutto. Non abbiamo niente da delegare. Siamo noi stessi “santi di Dio” scelti da lui, separati. Santi.
“Paolo e Timoteo, servi di Cristo Gesù, a tutti i santi in Cristo Gesù che sono a Filippi, con i vescovi e i diaconi. ” *
Qui i santi non sono quelli dell’iconografia classica, ma sono uomini, donne, bambini, vecchi, sono i credenti, i fedeli, i… chiamateli come vi pare. Siamo noi. Noi in cammino, noi imperfetti, noi peccatori alla ricerca della santità, e per questo già santi. Perchè percorriamo una strada nuova, sconosciuta, piena di mistero, una strada che facciamo andando incontro al nostro Dio, ma anche una strada che facciamo avendo Lui che cammina al nostro fianco, come i discepoli di Emmaus.
Allora, appare chiaro che sono parole che diciamo prima di tutto a noi stessi, è un invito da noi e per noi. Potremmo dire che siamo invitati dal Coach (che si chiama ancora Leandro, cosa pensavate?) a dare gloria a Dio, a lodarlo, ad alzare le mani verso di Lui nella preghiera, nell’adorazione…. e il nostro compito sia quello di invitare coloro che ci ascoltano a cantare con noi, perchè davvero la nostra voce arrivi fino al cielo, e i santi – quelli del paradiso – cantino con noi.

Oggi, proprio oggi che sono passati già 4 giorni da quella registrazione, ascoltando per l’ennesima volta (perchè non si ascolta mai bene, e qualcosa mi distrae sempre) alla fine si sente una voce: “bello!” e un’altra ripete:”bello, davvero bello”, e le voci si sommano, “bello” “bello”… non me n’ero accorto, ma mi sono emozionato di questa parola che è corsa sulle nostre bocche, senza che nessuno l’avesse richiesta, evocata. Sì, bello, bello davvero! E un commento, alla fine, sembrava voler dire la meraviglia di questa scoperta, perchè non sappiamo cosa ci ha toccati dentro, ma è successo. Forse, davvero, abbiamo sentito i santi del cielo cantare insieme ai santi della terra.
——
*Lettera di San Paolo ai Filippesi 1,1

7 thoughts on “Give glory to God, Saints!”

  1. Che dirti Brandy, ogni volta che tu mi parli di questa tua esperienza, la voglia è di condividerla.

    Non dispero, mai mettere limiti alla Divina Provvidenza, e tu sai quant’è vero!

    Ti abbraccio. Anzi, abbraccio tutti voi della Prato Gospel School.

    E buon weekend!

  2. Adesso sono stufa… nel senso che non è possibile che siano tutte belle le canzoni che facciamo, che non è regolare che tutte le volte che ne facciamo una nuova poi si finisca con un CHE BELLA!!, non esiste che non si riesca a stilare una lista con brani da escludere…
    Mi domando come faremo a cantare all’evento del 10-11… cioè come faremo a NON cantarle tutte.. il bello è che non puoi neppure dire: FCCIAMO QUELLE CHE CI RIESCONO MEGLIO. Apparirò superba, ma ci vengono bene tutte!!!
    Sarà che…. si canta DAVVERO? (you know what I mean…)
    A stasera!

  3. Ahi, biechi esecutori di ordini! Ahi!
    Noi… si Canta!
    (Ma Eli, permettimi un consiglio, un ti fa’ sentire dal Coach con coresti discorsi. E mi pare che dopo pasqua sia diventato un pohino più esigente, sempre a mettere il ditino dappertutto, sempre a mettere puntini sulle i (siamo perseguitati dai pianai che mettono le i sotto ai puntini, e menomale che stavolta ci pensa da solo). Meglio arrivare a lezione col cilicio già indossato (quando torni a casa picchia tua moglie, lei sa perche’ lo fai)e lo sguardo fisso a terra, che comunque è anche utile, come ho imparato a mie spese e mio vantaggio.

  4. ..spe’…
    Intendevo dire che siamo bravi, nel senso che cantiamo e non eseguiamo. MAI.
    Non volevo certo dire che non abbiamo altro da imparare!!!
    … E’… che cantiamo bene, siamo UN CORO e non solo 16-18 voci che emettono suoni.. siamo un coro e cantiamo, e secondo il mio MODESTISSIMO parere, nemmeno poi tanto male!!!
    Ora, se il Coach stasera ci pungolerà con la pronuncia, o il ritmo.. ma ben venga!!! Preferisco qualcuno che mi dice che sto sbagliando (e come correggermi, ovvio) a qualcuno che non ti corregge mai mentre tutto il resto del coro MUGOLA in sordina!!! E tu sai a quale episodio mi riferisco!!!
    A stasera, Brandyvino!!!😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...